Il capo di JPMorgan al governo: “sequestrare la proprietà privata per accelerare le iniziative sul clima” – Maurizio Blondet

24

Il segretario generale dell’ONU l’aveva appena detto:

“L’Agenda 2030è in ritardo! Oggi solo il 15% degli obiettivi è ben incamminato, molti stanno andando nella direzione opposta” e ha lanciato un appello per un “piano di salvataggio globale” per riportare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile” in linea

In linea con ciò che i plutocrati totalitari hanno hanno progettato per i poveri: l’esproprio della case dove abitiamo, secondo il piano “Non possiederai nulla e sarai felice” già tante volte descritto. Con la scusa che noi moltitudini siamo colpevoli del riscaldamento climatico, emettiamo troppo CO2 e dobbiamo diventare “sostenibili”

Adesso l’amministratore delegato della proverbiale finanziaria speculativa JP Morgan, a nome di tutti i miliardari, ordina al governo USA: “Accelerate!!

Inaudito. Butta la maschera e taglia le fasi del progetto.

In una lettera agli azionisti, Dimon ha scritto che “le riforme sono disperatamente necessarie per consentire di effettuare investimenti in qualsiasi modo tempestivo. Potrebbe anche essere necessario evocare [sic] l’esproprio”

James Dimon, l’Amministratore Delegato di JP Morgan, mette fretta al governo.

Nella sua lettera annuale agli azionisti, Jamie Dimon, CEO di JPMorgan Chase, ha suggerito che il governo degli Stati Uniti e le aziende attente al clima potrebbero dover impossessarsi della proprietà privata dei cittadini per attuare iniziative sul clima mentre sono ancora in tempo per evitare i disastri climatici.

Martedì Dimon ha dichiarato che “i governi, le imprese e le organizzazioni non governative” potrebbero aver bisogno di invocare l’”esproprio” per ottenere “investimenti adeguati abbastanza velocemente per le iniziative relative alla rete, al solare, all’eolico e ai gasdotti”.

“Esproprio” è un termine legale che descrive il governo che usa il suo potere per espropriare la proprietà privata per uso pubblico, a condizione che il governo fornisca ai proprietari privati ​​un adeguato risarcimento.

Nella lettera, Dimon ha sostenuto che potrebbe essere il momento di giustificare l’esproprio in America per alleviare la crisi climatica. Secondo il CEO, misure così drastiche potrebbero essere adottate perché il tempo stringe.

“La finestra d’azione per evitare gli impatti più costosi del cambiamento climatico globale si sta chiudendo”, ha affermato, menzionando anche la sua preoccupazione che “la guerra in corso in Ucraina stia turbando le relazioni commerciali in Europa e Asia e ridefinendo il modo in cui i paesi e le aziende pianificano il futuro”. Sicurezza energetica.”

“La necessità di fornire energia in modo conveniente e affidabile oggi, nonché di effettuare gli investimenti necessari per decarbonizzare domani, sottolinea i legami inestricabili tra crescita economica, sicurezza energetica e cambiamento climatico. Dobbiamo fare di più, e dobbiamo farlo immediatamente”, ha aggiunto Dimon.

Ha poi comandato: “i governi, le imprese e le organizzazioni non governative devono allinearsi” sulle politiche per accelerare le soluzioni climatiche . ED ha aggiunto: “È necessario effettuare massicci investimenti globali nelle tecnologie dell’energia pulita e continuare a crescere anno dopo anno”.

Ha proposto l’esproprio come una di quelle politiche che potrebbero accelerare la costruzione di infrastrutture verdi.

“Allo stesso tempo, sono disperatamente necessarie riforme di autorizzazione per consentire che gli investimenti vengano effettuati in qualsiasi modo tempestivo. Potremmo persino aver bisogno di evocare [sic] un dominio esproprio”.

L’amministratore delegato ha giustificato questo potenziale sequestro di proprietà da parte del governo e delle aziende, affermando che “semplicemente non stiamo ottenendo gli investimenti adeguati abbastanza velocemente per le iniziative relative alla rete, al solare, all’eolico e ai gasdotti”.

Dimon ha concluso la dichiarazione della sua lettera sul cambiamento climatico, affermando: “La polarizzazione, la paralisi e la fondamentale mancanza di analisi non possono impedirci di affrontare una delle sfide più complesse del nostro tempo. Le diverse parti interessate devono riunirsi, cercando le migliori risposte attraverso l’impegno intorno al nostro interesse comune.”

Il progetto di esproprio generale della proprietà privata (la nostra) e con quali metodi è venuto alla luce nella strana lettera dal Canada a cui rimandiamo:

Il Papa poteva forse mancare? Eccolo puntualissimo ad ottemperare agli ordini di JP Morgan. Per “la salvezza del creato”, ovvio:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here